BUCO HISTORY

 ORIGINAL RETRO BIKER JKT

This post is also available in: English

 

La storia di Buco – un mito della biker-culture retro, quasi un secolo di heritage – è la storia di due fratelli di NY, Joseph ed Elias Buegeleisen (nati da padre di origini russo/polacche e madre californiana), che intorno alla metà degli Anni ’10 fondano l’azienda Strauss & Buegeleisen per produrre gli storici occhiali Resistal. Una prima versione di ‘mascherine di sicurezza’. Le vendono soprattutto ad aviatori, piloti e motociclisti – e si vede che le mascherine funzionano bene, dato che quelli ne sono entusiasti.
Poi, a parte le diatribe sulla data esatta (’33? ’35 o ’37?), viene fondata a Detroit la Joseph Buegeleisen Company, che nel ’40 viene ribattezzata appunto Buco e oltre agli occhiali – prima ancora di diventare sinonimo di leather-jkt – al tempo il duo vendeva già accessori come parabrezza, borse da sella, guanti ecc. ai centauri di Harley-Davidson e Indian. Non è una coincidenza. Il brand conosce bene il suo target, condividendone passioni ed esigenze, “protezione attraverso la ricerca” il suo motto…
È intorno a metà ’40s che Buco inizia a farsi notare con le sue iconiche giacche in pelle, quindi fa il vero e proprio boom nei ’50s (e silhouette immortali come le JH-1 e J-21, tra le primissime), sulla scia dei ‘rebel’ di quell’intramontabile epoca. Va da sé che per i collezionisti le jkt in horsehide di quegli anni in primis sono alcuni dei tanti must-have – al pari di molti altri.

Nel ’66 invece, al picco di una produzione quadruplicata rispetto al ’62, Buco viene venduta alla American Safety Equipment Corporation – che esternalizza in Giappone, Spagna e Inghilterra (mentre degli ex dipendenti danno il via nientemeno che alla Brooks Leather Jackets) – inoltre il brand si focalizza più sui caschi e meno sulle biker-jkt, e stando a quanto narra la leggenda la sua fiamma pian piano s’affievolisce, quasi perdendosi nella storia.


Be’, di certo non nel Sol Levante, visto che se i fan Buco d’ogni dove possono ancora accaparrarsene un pezzo è grazie a label giapponesi del calibro di The Real McCoy’s e The Few; solo loro tutt’oggi ne riproducono fedelmente immortali modelli tipo J-24L e J-100 Horsehide Leather-Jacket, e via dicendo. In questo modo tutta l’aura di un retro biker-brand USA unico – e l’immortale fascino maledetto che ne deriva – può riportare Buco on-the-road.