MY TONY LAMA SNAKE BOOTS

This post is also available in: English

C’è un unica certezza nel mondo western che un cowboy richiede qualità reale in due sole cose: i suoi stivali e la sua sella. Soddisfare la precedente domanda ha portato Tony Lama da un riparatore di scarpe dell’esercito a una dei fabbricanti di stivali di maggior successo negli Stati Uniti. Attualmente i clienti di Tony Lama spaziano dal petroliere texano e dalle star del cinema ai cowboy di lavoro, e gli stivali Lama sono venduti da costa a costa. La star del cinema e della televisione occidentale Rex Allen ordina gli stivali Hi Lama in uno schema esclusivo usato solo negli stivali realizzati per lui. Slim Pickens, un’altra stella del cinema occidentale, ha delle bellezze speciali incorporate nel normale stile Lama che ordina. Con l’eccezione di alcuni popolari  stock, ogni paio di stivali Lama è realizzato secondo le specifiche e le misure individuali di un cliente. Sono specifiche e misure, ci vuole un po ‘più di tempo ma non c’è niente come stivali su misura per il comfort e l’aspetto. Puoi ordinare gli stivali Lama attraverso qualsiasi rivenditore e scegliere la tua punta e lo stile del tallone, i modelli, le dimensioni dei modelli e le pelli. Poiché ogni paio di stivali Lama riceve un’attenzione individuale, non costa più avere un paio fatto per qualsiasi dimensione standard se il tuo rivenditore non ha la tua misura in magazzino. Fino ad oggi, ogni paio di stivali venduti con il famoso marchio Tony Lama è fatto a mano. Lama disprezza un vero artigiano per “Stivali fatti a macchina”. Sarà il primo ad ammettere che un sacco di slicker di città indossano calzature con tacchi alti in questi giorni, ma aggiungerà che stanno ancora ottenendo una qualità vecchio stile e una squisita attenzione ai dettagli quando ordinano da Lama. Tony Lama aveva imparato a lavorare la pelle nella sua città natale di Syracuse, New York, e nel 1913 era un riparatore di scarpe con la vecchia sesta fanteria.Dopo il suo trasferimento nella vecchia Fort Bliss, a El Paso, in Texas, divenne un western, e quando il suo intoppo militare finì aprì un negozio in 109 E. Overland street. Lama ha messo i suoi sogni di soldi nella vendita di stivali pregiati dei vicini. Le sue vendite sono cresciute costantemente da quando ha aperto il negozio nel 1919, al suo attuale stato fiorente in una fabbrica che impiega 130 persone. Oggi la fabbrica di Tony Lama produce quasi 200 paia di stivali di qualità al giorno. A quei tempi, i clienti di Lama erano per lo più persone che acquistavano stivali per uno scopo, come proteggere le loro gambe dal cactus del Texas occidentale, che si sarebbero appesi in una staffa quando un vitello dal temperamento medio riusciva a rombare in giro. Oggi, naturalmente, è noto che i texani ricchi di bestiame si siano fatti a pezzi con palle in maschera complete di cravatta e code bianche e stivali da cowboy con il tacco alto. Quindi la domanda ora è per calzature sempre più elaborate. Pelli intarsiate, cuciture all-over e persino pietre preziose e metalli sono usati per migliorare l’apparenza. Allo stesso tempo, gli stivali hanno raggiunto un livello superiore. Tutto questo è cambiato da due a due pollici di altezza e gli stivali erano alti circa 10 pollici. Lo stitcing era solo, due o tre file, sufficiente per irrigidire la parte superiore dello stivale. La popolarità dell’abbigliamento invernale, in particolare degli stivali, crebbe rapidamente durante la seconda guerra mondiale. I settentrionali e gli orientali furono trasferiti a ovest e portarono a casa stivali da cowboy appena acquisiti. Gli stivali di Tony Lama calpestarono il suolo europeo e l’isola del Pacifico, e gli occidentali si trasferirono in altre parti dell’America. Portò loro gli stivali. Non passò molto tempo prima che l’intero paese venisse a conoscenza dell’abbigliamento western e un paio di stivali fu il primo oggetto che acquistarono. Il cambio di pelle ha aiutato a tenere il passo. Per anni, Kidskin è stata la scelta standard per gli stivali, con tomaie di vitello e pelle di vacchetta. La pelle di squalo, sebbene sia una pelle insolita per i non addetti ai lavori, è stata usata per anni, scommettendo che il più recente sulla scena è alligatore. Lama afferma che la pelle utilizzata deve provenire da uno dei grandi cingolati che ha raggiunto almeno 40 anni, quindi deve essere accuratamente selezionata tra le sue pinne e la parte inferiore delle sue zampe anteriori. L’alligatore è usato principalmente sulla tomaia dello stivale e, come ogni ragazza che ha desiderato una nuova borsa di alligatore e scarpe, il prezzo è alto. In effetti è quasi quadruplicato negli ultimi anni. Un’altra pelle esotica impiegata per molti anni è il canguro. Celebre per la sua flessibilità e morbidezza, è il preferito sia dai pellettieri che dagli indossatori di stivali. Recentemente Tony Lama ne ha aggiunto un altro acquisendo i diritti esclusivi su una pelle di canguro tinta all’anilina conciata al benedettino in cui la penetrante colorazione all’anilina mette in risalto la naturale bellezza e la lucentezza della pelle che appende i dettagli della superficie e il grano delle pelli. Questo colorante all’anilina non contiene pigmenti per scolorire il bel pesce dal tono dorato che ne risulta. In effetti, oggi l’uomo con uno yen per qualcosa di diverso può quasi scegliere il nuovo e insolito … la gamma comprende struzzo, foca e pelli di suino, oltre a pelli fantasia importate da tutta Europa, Italia, Francia, Svezia, Danimarca e Olanda. Un paio di altri continenti rendono lo stivale un affare internazionale se si considera che tutte le pelli di canguro provengono dall’Australia e la maggior parte delle pelli Gator provengono dal Brasile.

Thanks to Western Horseman magazine 1950s